Middle England di Jonathan Coe, anatomia di un paese senza più cuore (da Il Foglio del 25 novembre 2018)

Londra. L’unica strada per raccontare l’intricatissima Brexit è quella di affidarsi a una favoletta allegorica, e Jonathan Coe, massimo artigiano del genere, si è mosso così nella sua indagine sull’odio che ha spaccato il Regno Unito. Non è un odio grande (continua qui)

Molto poveri, molto ricchi (da Il Tascabile del 30 gennaio 2018)

LONDRA – Basta guardare la città: nei vuoti lasciati dalle bombe tedesche nella seconda guerra mondiale sono sorte case popolari, e non conta che siano a Chelsea o in periferia, a Londra più ancora che nel resto del paese i poveri e i ricchi vivono molto spesso fianco a fianco. Molto poveri, molto ricchi. (continua a leggere qui)

La rivoluzionetta d’ottobre. A Londra va in scena un Marx scoppiettante e leggero come una bollicina di champagne (da Il Foglio del 5 novembre)

LONDRA – Apri uno sfolgorante teatro nuovo da dodici milioni di sterline – tutti fondi privati – con affaccio sul Tamigi e lo inauguri con una piece intitolata Young Marx, sulla giovinezza squattrinata dell’autore de Il Capitale. E’ ottobre, centenario della rivoluzione russa, nei cinema di Londra si ride a crepapelle con la morte di Stalin raccontata da Armando Iannucci, i Quaderni del Carcere di Antonio Gramsci sono esposti in città per la prima volta nella loro storia, il Labour è saldamente nelle mani di un trotskista come Jeremy Corbyn e pure Theresa May, nel suo piccolo, si è messa un bracciale con Frida Khalo in un’occasione importante. (continua a leggere qui)

Le ginocchiate di Westminster, arma segreta di un cambio della guardia (da Il Foglio del 3 novembre)

LONDRA – L’asticella della morale è ferma all’altezza del ginocchio e questa è una delle due conseguenze gravi delle dimissioni di Michael Fallon, ministro della difesa che non ha retto la tensione di sapere che ci sono così tante storie in giro su di lui, scorribande che complice una simpatia per l’alcol avrebbero rischiato di far apparire la vicenda della giornalista, peraltro ironica e pugnace, approcciata nel 2002 per quello che è: ben poca cosa. (continua a leggere qui)

Le Carré fa rivivere Smiley, sul banco degli imputati per la morte di Alec Leamas (da ‘Il Messaggero’ dell’8 marzo)

LONDRA – Col suo nome da Gioconda e “l’arguzia di Satana”, la calma olimpica e la conoscenza perfetta degli ingranaggi del ‘Circo’, l’MI6, la spia George Smiley, oltre ad essere il personaggio più rappresentativo dell’opera di John le Carré, è un indizio, una firma, la stella polare di un mondo cerebrale e complesso che in ogni libro lo scrittore di spionaggio più famoso del mondo riesce a riprodurre senza mai ripetersi. Reduce dal successo dell’adattamento televisivo di ‘The Night Manager’, a cui seguirà presto un remake di ‘La spia che venne dal freddo’, l’ottantacinquenne le Carrè, pseudonimo di David Cornwell, sta finendo il suo ultimo romanzo, che uscirà il 7 settembre e che, per la grande felicità dei suoi fan, tornerà a parlare di Smiley, a più di venticinque anni dalla sua uscita di scena con ‘Il visitatore segreto’, del 1990.

article-2011952-0CE941D300000578-180_306x423.jpg

Si intitolerà ‘A Legacy of Spies’, letteralmente un’eredità di spie, e racconterà la storia dell’assistente di Smiley, Peter Guillam, e del suo mentore Smiley durante la Guerra Fredda. Pochi personaggi della letteratura sono stati mandati in pensione e poi richiamati all’azione spesso quanto Smiley, ma in un’intervista degli anni ’90 le Carrè aveva detto: “Penso di aver chiuso con lui. Più divento vecchio e più voglio scrivere di gente giovane”. Secondo la casa editrice Viking Penguin ‘A Legacy of Spies’ è un romanzo “inventivo e emozionante”, che racconta il passato e il presente di Guillam, agente-burocrate da sempre amante delle operazioni dietro le quinte e poco incline ad agire sul campo, richiamato dalla sua confortevole pensione in Bretagna per portare la sua testimonianza sul passato.

spycold.jpg

“Le operazioni di intelligence che un tempo erano il mito della Londra segreta e coinvolgevano personaggi come Alec Leamas, Jim Prideaux, George Smiley e lo stesso Peter Guillam stanno per essere passate in rassegna con criteri discutibili da una generazione senza memoria della Guerra Fredda e senza pazienza per le sue spiegazioni”, spiega la Viking Books, anticipando le grandi linee della trama. Smiley, nel suo essere profondamente anti-eroe, nasce come una scommessa: più il mondo si incantava davanti a James Bond e al suo eroismo muscolare, al suo universo violento, sfavillante e senza profondità, più le atmosfere di le Carré, che ha prestato realmente servizio presso l’intelligence di Sua Maestà quando era giovane, negli anni ’50 e ’60, si facevano cerebrali, fumose e labirintiche, con confini incerti tra il bene e il male. Smiley, il più spia di tutti, l’uomo talmente intrecciato nei destini del paese da esserne l’anima nera, la coscienza, la struttura, è descritto come “piccolo, tarchiato e, a voler essere buoni, di mezza età”. In ‘La Spia che venne dal freddo’ ha un ruolo piccolo ma significativo e incarna la spietatezza di un mondo alle prese con la crisi d’identità del tramonto dell’impero britannico e con una minaccia sovietica mai sottovalutata agli occhi del ‘Circo’.

Unknown.jpeg

La sua apparizione più importante è in ‘La Talpa’, traduzione italiana di ‘Tinker, Tailor, Soldier, Spy’, parte della cosiddetta ‘trilogia di Karla’, dal nome della laconica nemesi sovietica di Smiley. Grazie ad un vecchio adattamento televisivo del 1979 Smiley avrà per sempre, agli occhi dello spettatore britannico, il volto anziano di Alec Guinness, anche se nella versione cinematografica il ruolo è stato affidato ad un più giovane, anche se altrettanto indecifrabile, Gary Oldman. Le Carré, che negli ultimi anni si è dedicato alla stesura delle sue memorie ‘Tiro al piccione’, secondo i suoi editor sarebbe riuscito nell’impresa di dare a ‘Un’eredità di spie’ lo stesso stile teso e inarrivabile dei suoi lavori migliori, compreso ‘La spia che venne dal freddo’. Tornando a parlare di un mondo, quello delle relazioni tra l’occidente e Mosca, che spostando gli occhi dalle pagine del romanzo a quelle di un quotidiano risulta più attuali che mai.

Filippo, re della gaffe vecchio stile, va in pensione e apre una stagione nuova a palazzo (da ‘Il Foglio’ del 5 maggio)

LONDRA – Da professionista dell’inaugurazione qual è – una volta si è definito «lo svelatore di targhe più esperto del mondo» – Filippo d’Edimburgo, principe greco di sangue danese e tedesco, un modello per le first ladies di tutto il mondo, si è cavallerescamente preso il compito di aprire una stagione nuova per se stesso e per il paese: lui se ne va in pensione a 96 anni, il paese dopo quarant’anni esce da quell’Unione europea di cui il consorte della regina, un Battenberg trasformato in Mountbatten da parenti saggi, è una delle importazioni più vistose. Niente di definitivo, solo un piccolo cambio della guardia del tutto prevedibile che crei un po’ di azione e prepari gli animi alle numerose svolte all’orizzonte prima che la lunga era di Elisabetta II si vada a chiudere per ragioni naturali e lasci, inevitabilmente, il paese un po’ spaesato. Tanto più che a un certo punto la Brexit inizierà a farsi sentire e chi lo sa come andrà, se spaccherà il Regno Unito, se lo renderà piccolo piccolo, isolato, insignificante, senza Scozia, senza Irlanda del Nord, senza City. Anche se dalle parti di Buckingham Palace negli ultimi anni è arrivata più di qualche folata di simpatia per l’indipendenza Brit, nessuno si illude che sia tutto un grande letto di rose e bisogna prepararsi nel modo migliore, con anticipo, non si può permettere che l’addio al continente sia solo l’ultimo capitolo di un grande processo di ridimensionamento nazionale in cui i britannici vivono da quando la ragazza Elisabetta è salita al trono nel 1952.

2AFABEAA00000578-0-image-m-24_1438334264480.jpg

Ci vuole un po’ di pompa magna per accogliere una nuova leva di simboli e il taglianastri Filippo si è fatto da parte per primo, come se a quell’età avesse ancora la scelta. La decisione l’ha presa lui, dicono da palazzo, dandogli l’onore delle armi di un’autonomia che pare non abbia mai avuto, almeno stando alla ricostruzione fatta in The Crown, in cui viene descritto come superficiale, donnaiolo e con l’ego ferito dall’inappuntabile consorte: la sua inadeguatezza è uno dei principali motori narrativi di una serie con degli evidenti vincoli di sceneggiatura, e chissà perché tutta questa irriverenza tocca a lui. Fatto sta che vederlo nella fiction, aitante e frustrato, rende bene l’idea di quello che possono essere stati questi settant’anni sotto i riflettori pubblici per l’unico uomo della sua generazione a non poter dare il suo cognome ai figli, sovrano mondiale indiscusso della gaffe vecchio stile dal retrogusto razzista, bell’uomo apprezzato dalla moglie soprattutto per la capacità di farla ridere. Se ne andrà in autunno, forse dopo che a novembre lui e Elisabetta avranno festeggiato i settant’anni di matrimonio, dando il tempo al paese di abituarsi anche a questo, al più ovvio dei cambiamenti. Nel frattempo un’altra donna avrà probabilmente preso in mano in modo più saldo le redini del paese e Queen Theresa e Queen Elisabeth potranno lavorare insieme al modo per trovare la stabilità necessaria prima dei grandi salti. 

Solo così si sopravvive, nella dialettica tutta britannica tra conservazione e rinnovo, seguendo quella ‘Strategia del vasetto di Marmite’ che a detta degli esperti di cose reali avrebbe permesso a casa Windsor di restare importante: come le confezioni del colloso estratto di lievito da spalmare sul pane, ci si finge statici e senza tempo mentre si continua incessantemente a cambiare. La tempistica dell’annuncio, poi, è cosa da gentiluomi: distogliere l’attenzione dalla May, alle prese con uno scontro dai toni poco regali con Bruxelles, ridà al paese un po’ di senso di sé in vista di quello che lo aspetta, di questo destino scelto d’impeto e degli scossoni che porterà. Come ebbe a dire lui stesso in uno dei suoi massimi momenti di grazia tra nastri, targhe e buone cause: «Dichiaro questa cosa aperta, di qualunque cosa si tratti.»

Citizens of somewhere, o del perché le colpe delle élites liberal hanno provocato la Brexit (da ‘Il Foglio’ del 30 marzo)

LONDRA – Da quando ha preso a “trascendere gli interessi di classe borghesi per parlare di quello che preoccupa le masse”, David Goodhart si sente libero, molto più di quando, da giovane studente di Eton figlio di un deputato Tory, si imponeva i panni stretti dell’intellettuale marxista. Certo, ha dovuto rinunciare alla sua tribù di adozione – quella sinistra intellettuale di cui lui, fondatore ed ex direttore della rivista Prospect, è stato uno degli astri più brillanti – e ha dovuto intraprendere un percorso impopolare di allontanamento dal “liberalismo moderno” iniziato lentamente dopo aver scritto un lungo articolo intitolato ‘Too diverse?’, ‘Troppo diverso’, in cui si avventurava a formulare un discorso di sinistra contro gli eccessi dell’immigrazione. Era il 2004, tempi di allargamento a Est dell’Unione europea e di 582mila arrivi in un anno, e la pioggia di critiche che gli sono piovute addosso gli ha dato la misura “dell’intolleranza della sinistra”, come ha raccontato in un lungo pezzo sull’edizione del weekend del Financial Times.

Goodhart-The-Road-to-Somewhere-Hurst-front-web.jpg

“Cerco di rappresentare gli interessi trascurati dalla politica”, spiega Goodhart al Foglio, aggiungendo che “ci vuole un approccio più moderato e intelligente da un punto di vista emotivo” alle istanze delle masse, che invece di “pane e terra” sono soprattutto preoccupate di “riconoscimento e radicamento” e questo a prescindere del loro orientamento politico: per questo l’autore propone una suddivisione dell’elettorato britannico in due tribù principali, ossia i ‘Somewheres’, i ‘Da qualche parte’, quel 50% che vive dov’è nato, che pensa prima ai vicini di casa che ai rifugiati e che non ha qualifiche particolari, ma che un tempo aveva una dignità e che ora si ritrova continuamente vilipeso dall’altra tribù, gli aristocratici ‘Anywheres’, ‘Da qualunque parte’, quelli che hanno i diplomi e la conoscenza per stare bene ovunque e che, pur rappresentando solo il 20-25% della popolazione, dettano l’agenda politica essendo loro stessi politici, giornalisti, intellettuali. Esperti, come direbbe Michael Gove, che però hanno perso il contatto con la realtà al punto di portare ad una reazione violenta come nel caso della Brexit, che Goodhart spiega di non aver votato, e in quello più grave di Donald Trump.

‘The Road to Somewhere: The Populist Revolt and The Future of Politics’ segue di quattro anni il densissimo  ‘The British Dream’, in cui metteva in guardia, così come in un’intervista al Foglio, dagli eccessi di disprezzo verso la sensibilità degli elettori Ukip. “Essere molto attaccati al tuo gruppo di origine non è per forza razzismo”, osserva, “e non si può continuare a negare che la maggioranza delle persone nutra questo sentimento”. Ma chi osa più negarlo, nel Regno Unito della Brexit e delle spinte indipendentiste? L’aria è cambiata e al potere c’è una Theresa May che sembra pensarla esattamente come Goodhart e che anzi, grazie ad un consigliere esperto di ‘Somewheres’ come Nick Timothy – citato nei ringraziamenti – ha davanti a sé praterie elettorali da conquistare promettendo di operare con “legittimità e supporto” nei confronti dei “cittadini di un qualche luogo”.

Per Andrew Marr, che ha scritto una recensione del libro sul sinistrosissimo New Statesman, è “sicuro” che il libro si avvia a diventare “il manuale privato sulla linea conservatrice di Mrs May”, ma “certo, sarebbe stato meglio che le cose si riequilibrassero senza bisogno della Brexit”, aggiunge Goodhart. La Brexit, si sa, è una questione di classe sociale – la vecchia élite ha assorbito l’élite meritocratica e ‘cognitiva’, a volte working class, a volte migrante – e soprattutto di istruzione: solo l’11% degli accademici l’ha votata, mentre tra i suoi sostenitori ce ne sono molti che rivorrebbero la pena di morte, ma anche più severità nell’educazione dei bambini. “Se vogliamo essere duri sul populismo, dobbiamo essere duri anche sulle cause del populismo, e una di queste cause è stato l’eccesso di potere degli Anywheres”, prosegue Goodhart, secondo cui il leggendario ‘common sense’ britannico un tempo era tutto ‘somewhere’, mentre ora parlare di cose come il senso del sacro, della comunità, è diventato una roba un po’ volgare.

E se invece quella liberale fosse una forma di ottusità? “Il liberalismo è stupido sulla cultura”, diceva il teorico di origine giamaicana Stuart Hall, mentre per Jonathan Haidt, “è come se i conservatori potessero sentire otto ottave di musica, e i liberali solo due, ma su quelle sono diventati particolarmente attenti”. Gli uomini bianchi working class si ritrovano ad avere opinioni impresentabili e l’idea che una società coesa sia più forte e funzionante di una in cui gli abitanti sono troppo diversi per cultura e abitudini non è alla moda, anche se basterebbe Darwin a dire che è così. “Le persone amano la stabilità e sono socialmente conservatrici, perché bisogna negarlo?”, osserva facendo l’esempio provocatorio della suddivisione tradizionale dei ruoli tra uomo e donna tanto caro ai ‘somewheres’, proprio lui che è stato sposato una vita con Lucy Kellaway, arcifamosa columnist del Financial Times con quattro figli.

“Entrambi i gruppi hanno opinioni oneste e rispettabili, il mio problema è che uno è troppo dominante”, spiega Goodhart, il cui percorso lo ha portato ad essere “più generoso verso le intuizioni” degli altri e che invita gli “anywheres” a pentirsi, almeno un po’, a riconoscere che “una società che si sta lentamente disconnettendo” rientra nella definizione di ‘danno’ di Stuart Mill e per questo ha diritto di proteggersi, ma il liberalismo, che trova le norme comuni troppo arbitrarie, lo impedisce. Uno dei punti su cui gli Anywheres e i Somewheres non sono d’accordo è “l’erosione del favoritismo nei confronti dei cittadini nazionali”, ma secondo Goodhart “una globalizzazione migliore è possibile, e un ordine mondiale basato su molti stati nazioni Somewhere che cooperano insieme è di gran lunga preferibile ad un grande unico Anywhere sovranazionale”. Tecnocrati e global elites, insomma, e tre milioni di cittadini europei “che non avrebbe senso integrare perché molti di loro non resteranno”.

Maggie Thatcher è una che l’immigrazione sotto sotto l’ha ridotta – a metà anni ’90 il netto era sotto zero – ed era ‘somewhere’ nell’animo, ma le sue politiche, ammette, hanno aperto le strade a molti ‘anywhere’ di successo e anche, purtroppo, al crollo della formazione dei lavoratori britannici, su cui nessuno ha più investito preferendo assumere direttamente stranieri preparati. Goodhart sostiene di non volere un ritorno al passato, a quello che Jeremy Paxman chiama “necrofilia sociale”, ma avvisa: o si cambia strada o quello che stiamo vedendo sarà solo l’inizo. La mattina dopo la Brexit molti dicono di essersi svegliati con la sensazione di essere in un luogo nuovo, sconosciuto. Secondo Goodhart stavano facendo l’esperienza, “opposta politicamente”, di quello che succede ogni giorno a quel 50% e passa di cittadini che nei sondaggi dice da anni che il Regno Unito “spesso sembra un paese straniero”. Non mi sento a mio agio, non lo riconosco più.