La politica britannica, il palio degli unicorni e la proposta di abolire Eton (da Il Foglio del 14 luglio 2019)

Londra. Il dibattito politico britannico è diventato una sorta di palio degli unicorni. L’ultimo quadrupede luccicante a essere stato lanciato in pista è l’iniziativa del Labour, sostenuta da un Ed Miliband in vena di riscatto, di abolire Eton e le grandi scuole private del paese, colpevoli di aver infestato Westminster e dintorni di personaggi poco raccomandabili ma dall’autostima a prova di bomba. (continua qui)

Ricordi d’estate/ Nella Londra pre Brexit c’è guerra tra populisti e Parlamento. Ricorda qualcosa? (da Il Foglio del 15 agosto 2019)

Londra. Mentre il resto del mondo legge romanzi gialli a pancia all’aria sulla spiaggia o in giardino, a Londra e in poche altre selezionate capitali è il manuale di procedura parlamentare il vero libro dell’estate (continua qui)

Neonazi e amore per l’Europa. La pièce dello scozzese David Greig sembra scritta oggi (da Il Foglio dell’11 agosto 2019)

Londra. Quando Horse, skinhead brutto e stupido, tutto soddisfatto per l’attentato appena compiuto, grida vittorioso: “Anche noi siamo l’Europa!”, tra un brivido e l’altro tocca dargli ragione. Sì, l’Europa sei anche tu, infausto e inevitabile, figlio dell’ottusità tua e degli altri (continua qui)

Strawberry Hill Forever, tesori e fantasmi tornano a casa Walpole (da Il Foglio del 25 dicembre)

Londra. I fantasmi di casa saranno felicissimi ora che sono tornati tutti: i quadri, gli oggetti d’arte, quell’orologio d’oro che Enrico VIII regalò a Anna Bolena quando ancora le voleva bene – tic toc tic toc – e il vaso di porcellana cinese in cui il gatto preferito di Horace Walpole

Che meraviglia il Royal Wedding di Eugenie (da Il Foglio del 12 ottobre)

Londra. Guardando le tazze commemorative del Royal Wedding di oggi, con quella virginale e con coroncina dorata come unica iniziale su un delicato sfondo di edera, la principessina Eugenie sembrerebbe la versione di alto bordo di quelle che vanno a sposarsi da sole. Magari, avrà pensato la regina (continua qui)

Il giornalista italiano, Darcy, sua moglie e la Brexit: il grande sogno di rinazionalizzazione di Colin Firth (da Il Foglio del 13 marzo)

LONDRA – In questi giorni certi britannici sognatori stanno flirtando con un’idea: la rinazionalizzazione di Colin Firth, un uomo che nell’immaginario collettivo del paese continua ad entrare e ad uscire dallo stagno di Pemberley con addosso una camicia bianca bagnata (continua a leggere qui)

Nove figli e non sentirli. La versione di Helena, ceo stellare della City e madrina del casino organizzato (da Il Foglio del 14 febbraio 2018)

LONDRA – Con la vita di Helena Morrissey se ne potrebbero fare una dozzina, di esistenze normali: lei ha cinquantadue anni, una carriera stellare nella City di Londra, nove figli, un nipote, e un indispensabile marito, Richard, che ha mollato tutto per crescere la prole, stare accanto alla moglie e, una volta finiti gli anni più ruggenti per il famiglione, diventare monaco buddhista. (continua qui)